Blog: http://luigirossi.ilcannocchiale.it

CITTADINANZA ONORARIA AL PRESCRITTO ANDREOTTI

Oggi è stata conferita la cittadinanza onoraria a Giulio Andreotti. Cassino è piena di forze di forze di polizia, di vigili (mai visti a Cassino, a differenza degli ausilari del traffico che dovendo far cassa per il comune infestano la città a caccia di auto parcheggiate nelle strisce blu), tutti in femento per l'arrivo del senatore a vita. La sala dove il "divin" Giulio (qui da noi è considerato un dio) terrà il discorso di ringraziamento è affollata da amministratori di tutti i partiti e di tutti i comuni del cassinate; come cavalier serventi i nostri dipendenti sono andati a omaggiare il senatore a vita. Nessuno ha messo in risalto il fatto che Andreotti è un uomo che si è salvato da una condanna per mafia solo grazie alla prescrizione. Nessuno ha nominato la sentenza della cassazione dove si esplicitano i rapporti tra Andreotti e la mafia.
Nessun partito dell'opposizione consiliare o della sinistra cassinate ha organizzato manifestazioni per denunciare l'indecente atto che il comune stava perpretando conferendo questa cittadinanza onoraria. A rendere ancora più grottesca la situazione ci sono i manifesti fatti affiggere per celebrare l'evento dal Sindaco Scittarelli (UDC). I manifesti recitano che il consiglio comunale di Cassino (FR) "con voto unanime e per acclamazione" ha conferito la cittadinanza onoraria a Giulio Andreotti. Per amore di verità devo dire che l'opposizione a Cassino è formata da DS, SDI, Margherita, Udeur e alcuni esponenti di liste civiche. Dobbiamo ricordare tutti, quando a maggio ci saranno le elezioni per eleggere il Sindaco, che i nostri dipendenti dell'opposizione hanno fatto blocco unico con la maggioranza per conferire la cittadinanza onoraria ad un uomo che solo la prescrizione ha salvato da una condanna certa.

Pubblicato il 15/2/2006 alle 12.51 nella rubrica Notizie dal Comune di Sant'Andrea del Garigliano (FR).

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web