Blog: http://luigirossi.ilcannocchiale.it

Chiedo scusa a Peppino Petrarcone



Prima della campagna elettorale avevo dubbi sulla candidatura di Peppino Petrarcone, temevo che si ripetesse lo schema del passato, quando eletto sindaco di Cassino permise all'allora Pds di gestire tutto, con la conseguente vittoria della destra che per 15 anni ha distrutto la città e ha inoculato nei cassinati una variante del virus arcoriano, il virus "SAF" (Scittarelli, Abbruzzese, Formisano) che fa pensare che i politici sono tutti uguali e che bisogna votare chi può darci qualcosa. In poche parole per 15 anni ci si è accontentati di mangiare sotto il tavolo dei potenti, "godendo" dei loro avanzi. Questi potenti però, hanno mangiato tutto e nemmeno gli avanzi sono stati concessi ai cassinati.
Tutto questo mi faceva temere che rieleggendo Peppino Petrarcone si ripetesse la stessa triste storia. Poi ho iniziato a seguire i suoi comizi, a parlare con le donne e gli uomini che con lui avevano iniziato questo cammino e ho capito che stavo sbagliando. Oggi, dopo la trionfale elezione di Peppino, posso dire di essere felice di aver sbagliato. 14 consiglieri comunali di sinistra governano la città, una giunta preparata e onesta è stata nominata dal Sindaco, senza tener conto delle pressioni dei soliti perdenti di successo del Pd. La conferma del fatto che Peppino sta facendo le scelte giuste (ovviamente qualcosa non la condivido, ma non si può essere in sintonia su tutto e poi lui sa cose che io naturalmente ignoro) la leggo ogni mattina sui giornali locali, pieni di parole inutili dei soliti tromboni della politica cassinate.
Pubblicamente chiedo scusa a Peppino, per non aver avuto fiducia in lui da subito e spero di poter continuare a vivere in una città onesta e senza padroni per molto tempo ancora.

"Un uomo non dovrebbe mai vergognarsi di confessare di aver avuto torto; che poi è come dire, in altre parole, che oggi è più saggio di quanto fosse ieri" (Jonathan Swift)

Pubblicato il 23/6/2011 alle 21.38 nella rubrica Provincia di Frosinone.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web