Blog: http://luigirossi.ilcannocchiale.it

VORREI ESSERE COME ORIANA FALLACI....

Vorrei essere capace di scrivere come la Fallaci per vomitare rabbia e disprezzo su questi personaggi che oggi, alle 17, consegneranno il “Premio Giovenale” a Giulio Andreotti.
Il “Premio Giovenale” è organizzato dalla Pro Loco e dal comune di Aquino (FR), con il patrocinio dell’A.T.P. di Frosinone, della Provincia di Frosinone e della Regione Lazio.
Ernesto Pellecchia, uno degli organizzatori, ha dichiarato “Il premio è stato assegnato non all’uomo politico, ma allo scrittore, al giornalista, al comunicatore che con grande lucidità e acutezza, talora condite di raffinata ironia, ha colto e rappresentato sessant’anni di storia dell’Italia repubblicana”.
Vorrei dire ad Ernesto Pellecchia che chiunque consegni un premio al mafioso fino al 1980 deve vergognarsi. Andreotti rappresenta il male che per anni ha dominato la nostra Italia; Andreotti è un politico (lo dice la cassazione) che ha tenuto rapporti con la mafia e non capisco come si possa premiarlo.
E’ vergognoso che un Comune, la Provincia e la Regione, gettino al vento denaro pubblico per finanziare premi che vengono assegnati a simili personaggi.

Pubblicato il 24/9/2006 alle 14.38 nella rubrica Notizie dal Comune di Sant'Andrea del Garigliano (FR).

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web