.
Annunci online

luigirossi
il blog di chemako
politica interna
29 ottobre 2008
Scontri a Roma: maiali, somari e servi sciocchi
Il maiale suggerisce e i somari mettono in pratica il terroristico suggerimento utilizzando servi sciocchi.


"Complimenti" alle forze di polizia che hanno evitato di separare gli studenti dalla banda di fascistelli, "complimenti" per aver permesso ai fascistelli di arrivare in piazza con un camioncino pieno di armi.
Complimenti ai fascistelli così coraggiosi da picchiare un ragazzino con il solito metodo infame.
Per voi fascistelli serve il metodo 99 posse, l'unico che i vostri minuscoli cervelli comprendono

Fichettini inamidati tutti turgidi e induriti
vanno per la strada tutti fieri ed impettiti
si sentono virili atletici e puristi
sono merda secca al sole luridi fascisti
Domenica allo stadio tutti a sfogare
frustrazioni accumulate in settimane ad obbedire
obbedire ad un potere strumentale al capitale
sissignore mi dispiace ho fatto molto male
Cala la notte e messe a posto le cartelle
reggono i calzoni con due comode bretelle
rasano la testa l’anfibio bene in mostra
coltello nella tasca e incomincia poi la giostra
Drogato negro, frocio comunista pervertito
terrone punk’ a bestia sadomaso travestito
è inutile nasconderti sarai individuato
e nel cuore della notte sarai sprangato
20 a 1 è la tua forza fascio infame
ti nascondi ed alle spalle mi colpisci con le lame
non ti fai vedere in faccia non serve a niente
con la tua puzza di merda ti distinguo tra la gente

rit. C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista

Stai a sentire verme schifoso
tu non mi campi a lungo ti mando a riposo
c’è una sola violenza che posso accettare
lotta di classe contropotere
Violenza dettata da necessità
necessità oggettiva quella di poter campà’
Campare liberato dal lavoro salariato
ma la tua violenza l’ho già spiegato
è l’azione più eclatante miserabile e impotente
di chi non può far niente disprezzato dalla gente

rit. C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista

Sei il braccio armato del padronato
che ti succhia fino all’osso e poi sei sei licenziato
miserabile servo dei servi di potere
tu questo lo sai bene e ti fa incazzare
vuoto come un cesso non ti sai organizzare
vigliacco depresso ed incominci a picchiare
dite rivoluzione fottutissimi vermi
ma siete solo servi dei servi dei servi
”Servi dei servi dei servi
nulla può smentire la parola dei bastardi
generati come automi o peggio bene di consumo
sistematicamente MERDA
per chi vende immagini ricicla stereotipi
a reti unificate per la brava gente
l’informazione di regime non vede e non sente niente
non si parla di chi è picchiato bruciato
mentre il fascista oggi è guardia dello stato
in nome di un valore finto uccide per istinto
come bestie feroci accecate dalla tua idiozia
99 POSSE e ZOU antifascismo militante
senza tregua la sola costante
in culo a quella gente che pensa incoerentemente
per questo chi mi ascolta non mi darà ascolto
l’unico fascista buono è il fascista morto”

rit. C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista

Dico non mi provocare dico non mi provocare
dico stammi lontano dico vattene a cacare
dico se mi incontri per la strada incomincia a scappare
tieni bene a mente dico non dimenticare
Tocca i compagni e sò’ cazzi da cacare
mi puoi fare l’agguato mi puoi sprangare
ma i compagni sono tanti ti verranno a cercare
in massa di giorno per fartela pagare
E allora non si scappa non c’è niente da fare
la rabbia dei compagni non la si può fermare
come non si può fermare il proprio stesso respirare
lottare e respirare perché è quello che siamo
respiri per non morire
lotti per continuare a campare
La lotta continua va avanti si evolve
e dopo tanti anni di infamie e di vergogne
sarete ricacciati per sempre nelle fogne

rit. C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
politica interna
25 ottobre 2008
Kossiga ammette i suoi reati...e se ne vanta

(manifesto del 1977, loro sapevano già chi fosse Kossiga)

Kossiga è sempre stato un nemico della democrazia e del Popolo. Lui è il ministro durante il rapimento e l'assassinio di Aldo Moro, lui è il presidente della repubblica che nomina senatore a vita il mafioso prescritto Andreotti, lui è Gladio, la strage di Bologna e potrei continuare per molto.
Non contento di tutti i misfatti che ha fatto nella sua miserevole vita, oggi dal pulpito di senatore a vita confessa i suoi reati, ma non per chiedere scusa agli italiani e alle vittime della sua strategia del terrore, ma per vantarsene e suggerire di riutilizzare i suoi metodi al governo Berlusconi (dopo Genova e le altre emergenze, Berlusconi ha dimostrato di non aver bisogno di simili suggerimenti, già  ha dimostrato di essere capace di utilizzare il metodo Kossiga).

Riporto l'intervista pubblicata il 23 Ottobre 2008 sul Quotidiano nazionale realizzata da Andrea Cangini:

PRESIDENTE Cossiga, pensa che minacciando l`uso della forza pubblica contro gli studenti Berlusconi abbia esagerato? «Dipende, se ritiene d`essere il presidente del Consiglio di uno Stato forte, no, ha fatto benissimo. Ma poiché l`Italia è uno Stato debole, e all`opposizione non c`è il granitico Pci ma l`evanescente Pd, temo che alle parole non seguiranno i fatti e che quindi Berlusconi farà una figuraccia».

Quali fatti dovrebbero seguire? «Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand`ero ministro dell`Interno» .

Ossia? «In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito...».

Gli universitari, invece? «Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città».

Dopo di che? «Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».

Nel senso che... «Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».

Anche i docenti? «Soprattutto i docenti».

Presidente, il suo è un paradosso, no? «Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che indottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».

E lei si rende conto di quel che direbbero in Europa dopo una cura del genere? «In Italia torna il fascismo», direbbero. «Balle, questa è la ricetta democratica: spegnere la fiamma prima che divampi l`incendio».

Quale incendio? «Non esagero, credo davvero che il terrorismo tornerà a insanguinare le strade di questo Paese. E non vorrei che ci si dimenticasse che le Brigate rosse non sono nate nelle fabbriche ma nelle università. E che gli slogan che usavano li avevano usati prima di loro il Movimento studentesco e la sinistra sindacale».

E` dunque possibile che la storia si ripeta? «Non è possibile, è probabile. Per questo dico: non dimentichiamo che le Br nacquero perché il fuoco non fu spento per tempo».

Il Pd di Veltroni è dalla parte dei manifestanti. «Mah, guardi, francamente io Veltroni che va in piazza col rischio di prendersi le botte non ce lo vedo. Lo vedo meglio in un club esclusivo di Chicago ad applaudire Obama...».

Non andrà in piazza con un bastone, certo, ma politicamente. .. «Politicamente, sta facendo lo stesso errore che fece il Pci all`inizio del- la contestazione: fece da sponda al movimento illudendosi di controllarlo, ma quando, com`era logico, nel mirino finirono anche loro cambiarono radicalmente registro. La cosiddetta linea della fermezza applicata da Andreotti, da Zaccagnini e da me, era stato Berlinguer a volerla... Ma oggi c`è il Pd, un ectoplasma guidato da un ectoplasma. Ed è anche per questo che Berlusconi farebbe bene ad essere più prudente».




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cossiga kossiga

permalink | inviato da chemako il 25/10/2008 alle 7:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
vita familiare
17 ottobre 2008
Luna caparezza
La mia piccola Luna (17 mesi) comincia ad impormi i suoi gusti musicali. Oggi per farla felice ho acquistato il cd di Caparezza e devo dire che è davvero un cantante geniale.
Tutte le canzoni sono sorprendenti e grazie a Luna avrò mille occasioni per ascoltarle.
Luna adora Caparezza...forse per il fatto che hanno la stessa testa riccia.


Mi fa impazzire quando balla la pizzica per imitare la sposa del video di "Vieni a ballare in Puglia", la sua canzone preferita



permalink | inviato da chemako il 17/10/2008 alle 22:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa
9 ottobre 2008
Baggio Borgonovo, la BB

BB, la coppia più bella del mondo...grazie Stefano per tutte le emozioni, di ieri e di oggi, che hai donato.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Stefano Borgonovo Roberto Baggio Fiorentina

permalink | inviato da chemako il 9/10/2008 alle 23:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
8 ottobre 2008
Borgonovo continua a correre sotto la Fiesole

Oggi è il giorno di Stefano Borgonovo.
Da ragazzino impazzivo per i suoi gol, mai dimenticherò il 4 a 3 con l'Inter dei record. Lui rappresentava nei miei sogni di tifoso il naturale finalizzatore delle magie di Roberto Baggio.
Gli altri ragazzini avevano i super campioni, io da tifoso viola potevo controbbattere con Baggio e Borgonovo.
Nessuna altra coppia di attaccanti mi ha emozionato in quel modo, due calciatori con un fisico normale che riuscivano a supererare i giganti delle altre squadre.
Oggi Stefano mi emoziona ancora di più. Combatte la partita più difficile contro la "Sla", affronta, con una forza indescrivibile, questa terribile prova.
Spero tanto che Stefano possa riuscire a segnare il gol più bello e correre di nuovo sotto la curva Fiesole.
Grazie Stefano per mostrare ogni giorno a tutti che si può reagire, che si deve reagire.

Posto il
link del toccante articolo della Gazzetta, nel quale la moglie di Stefano, Chantal ci mostra quanto possa essere forte una donna e una famiglia intera costretta ad affrontare un terribile male come la Sla.

SOCIETA'
3 ottobre 2008
Il governo xenofobo semina merda e le persone oneste sono costrette a raccoglierla

Dopo tanto ciarlare sulla sicurerezza da parte di pseudo politicanti, animati solo dalla voglia di accaparrarsi voti, l'Italia onesta oggi deve purtroppo raccogliere i "frutti" di questa assurda campagna sul pericolo invasione da parte degli stranieri.
Questa maggioranza in campagna elettorale e ancora oggi, per nascondere le proprie nefandezze (es. il dolo Alfano) e il vero scopo politico (impunità di Berlusconi e protezione degli interessi dello stesso) ha esportato su scala nazionale il metodo Gentilini-Borghezio.
I politicanti che hanno seminato una falsa paura sulla sicurezza dovrebbero vergognarsi e sentirsi responsabili per ogni aggrerssione (da ultimo il cinese aggredito da ragazzini vigliacci e ignoranti a Roma). Purtroppo questi squallidi personaggi se ne fregheranno di tanti onesti aggrediti, per loro sarà sempre più importante parlare alla pancia di tanti italiani che cercano di esorcizzare le proprie debolezze e meschinità con la violenza verso lo straniero. 
Dobbiamo reagire a questa ondata nera xenofoba, altrimenti rischiamo tutti di venir sommersi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Alfano berlusconi razzismo xenofobia

permalink | inviato da chemako il 3/10/2008 alle 8:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa
SOCIETA'
1 ottobre 2008
Razzisti in divisa

I vigili accusati di aver picchiato ed insultato lo studente Emmanuel Bonsu Foster, 22 anni, sul fascicolo che lo riguarda, a fianco al suo nome, al posto del cognome hanno scritto l’aggettivo «negro».
A me basta questo per condannare quei vigili. Come per il caso Amicone, anche in questo caso, la non cultura xenofoba e razzista ormai imperante in Italia, sta devastando il nostro paese.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. razzismo

permalink | inviato da chemako il 1/10/2008 alle 10:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre


Attratti dalla calamita
L'ANTIPOLITICANTE
ERMES
ALICE (lo splendido LunaParkMentale)
OCCHI COME IL MARE
LA SCRITTURA CREATIVA
ROSSO ANTICO
MEDITERRANEO BLU (blog in letargo)
terzostato
COMPAGNO FRANCESCO
misswelby
Mr.Tambourine
gizm0
Maria Rubini
LA BATTITURA (blog in letargo)
L'ARCHEOLOGA VERDE (blog in letargo)
UN COMPAGNO A PRAGA
GALATEA
PENNAROSSA
COMPAGNO FABIO
RINASCITA NAZIONALE
SCACCHI E JAZZ
GIACOMO
FIOREDICAMPO
UN PRETE NO GLOBAL
CRISTINA
BEPPONE
UN GRAN TALENTO
SERAFICO
ELIOLIBRE
ARADIA - IL PANE E LE ROSE
QUALCOSADIRIFORMISTA
DRACULIA
TIZIANA ED EMANUELE
ALSOM (blog in semiletargo)
ATTIMO FUGGENTE (blog in letargo)
ANTIGUA (blog in letargo)
CAOSEKOSMOS
LOU MOGGHE (blog in letargo)
TRITON (blog in letargo)
IL CAVALIERE ERRANTE (blog in letargo)
IL POSTO DELLE FRAGOLE (blog in letargo)
FULMINI
RIGITANS
IRENE
CLAUDIA, BELLA E INTELLIGENTE
COMPAGNA LIA (blog in letargo)
ADELE PARRILLO
PIERO RICCA
SA ESSERE UN PREZIOSO SUGGERITORE
ZIAGRARIAAMA
LADYTUX
KORVO ROSSO
CONTROBAVAGLIO (blog in letargo)
COMPAGNO NICOLA
ZADIG
ROSASPINA
semplicemente VULCANOCHIMICO
ALZATACONPUGNO (blog in letargo)
LAURA
MESLIER (blog in letargo)
YCHE
KIA
LA PROFESSORESSA
SHAMAL
LUNA (blog in letargo)
ANTONIO MASOTTI (blog in letargo)
NONSIAMOPERFETTI
COMPAGNO IRLANDA
LA PETIZIONE (blog in semiletargo)
IGUANA BLU (blog in letargo)
IOESISTO (Barbara)
FRANCESCA (blog in letargo)
NOMEFALTANADA (blog in letargo)
ULTIMO DEI RIBELLI (blog in letargo)
SCIURET (blog in letargo)
ESTHER (blog in letargo)
GARBO
MIKYROSS (blog in letargo)
GIUSEPPE (blog in letargo)
ALESSIA
GABRI/BABELLE
BEPPE CAVALLO
MICHELA (blog in letargo)
MARIA (blog in letargo)
CUORE DI VETRO (blog in letargo)

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Luigi Rossi | Crea il tuo badge
Luigi Rossi Adotta un bambino a distanza – SOS Villaggi dei Bambini Greenpeace Italia

SANT'ANDREA DEL GARIGLIANO


                         




 

Berluscounter!

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

blog italia, directory blog italiani

lettera aperta
al compagno Luigi

9 dicembre 2005

Compagno Luigi,
ti chiamo compagno, in quanto mangiamo alla stessa tavola della lotta e condividiamo il pane della rabbia e della voglia di cambiare.
Diversi impegni tengono noi entrambi su una corda, come dei funammboli con la benda sugli occhi e senza alcuna protezione sotto di noi.
A volte accadono delle cose e si perde l'equilibrio, col rischio di cadere per terra, col rischio di morire dentro. Ma spesso, quando un funambolo perde l'equilibrio, c'è sempre uno che, tenendosi stretto a una corda d'emergenza, gli va incontro e gli tende una mano.
Così vorrei fare io con questo post. E non preoccuparti di prendere, oltre alla mano, anche il braccio; sei un compagno, è il minimo che possa darti.

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti,
venite portaborse, ruffiani e mezze calze,
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatto del qualunquismo un arte,
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto, assurdo bel paese.
Non me ne frega niente se anch' io sono sbagliato,
spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;
coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco,
io non perdono, non perdono e tocco!

[
c'è bisogno di dire il titolo e l'autore di questa canzone?]

un abbraccio,
Nicola

  
Che Guevara
assassinato il 9 ottobre 1967


Ingrid Betancourt
rapita il 23 febbraio 2002


Peppino Impastato
assassinato il 9 maggio 1978


Rosario Livatino
assassinato il 21 settembre 1990





post<li> 

Performancing Metrics