.
Annunci online

luigirossi
il blog di chemako
POLITICA
31 agosto 2007
I LAVAVETRI SONO I FIGLI DEGLI SCIUSCIA'

Il Comune di Firenze ha deciso di togliere i lavavetri dalle strade della città. Con una controversa ordinanza si è stabilito che chi viene trovato con secchi e spugne ai semafori rischia una denuncia penale e fino a tre mesi di carcere, oltre naturalmente al sequestro degli "attrezzi".
Firenze culla della civiltà non sopporta più di vedere le strade “infestate” da tanti lavavetri in cerca di elemosina. L’amministrazione comunale dice che è stata costretta ad emanare l’ordinanza perché molti cittadini hanno denunciato un atteggiamento aggressivo da parte dei lavavetri.
Veltroni seguendo i sondaggi si è subito adeguato scatenando le sue truppe di vigili, come un novello Massimo Decimo Meridio ha scatenato l’inferno contro chi lava i vetri, chi chiede elemosina. Pugno duro contro i paria della città, ma nulla viene fatto contro coloro che sfruttano la disperazione di tanti.
Soluzione legittima sarebbe stata intensificare i controlli per prevenire atteggiamenti aggressivi. Giusto sarebbe stato cercare di dare una risposta credibile alla domanda di aiuto che viene da gente costretta a stare sotto il sole per tutto il giorno pur di portare a casa qualcosa per poter sopravvivere.

I lavavetri di oggi sono gli “sciuscià” di ieri. Questi nuovi poveri in cerca di futuro sono i “figli” dei nostri emigranti costretti a lucidare scarpe nel nuovo mondo pur di mantenere e dare futuro alle proprie famiglie. Ogni volta che noi italiani diamo risposte del genere a problemi oggettivamente difficili da risolvere non facciamo altro che dare calci ai nostri avi che per anni hanno subito umiliazioni e mortificazioni. Un popolo che ha vissuto una forte immigrazione come quella italiana di inizio XX secolo, dovrebbe essere in grado di dare risposte diverse; la politica dell’accoglienza dovrebbe essere naturale per noi italiani. Purtroppo abbiamo la memoria labile e dimentichiamo che i titoli dei giornali in Italia (quelli de la Padania e di Libero per esempio) contro gli stranieri sono gli stessi che in America si usavano contro gli italiani.
Questa ordinanza è la risposta sbagliata e conferma ne è la dichiarazione di Calderoli "Un paluso all'assessore diessino Cioni, e al sindaco di Firenze, che, con l'ordinanza contro i lavavetri, hanno avuto il coraggio di assumere una decisione sacrosanta. Una tessra di socio sostenitore della Lega non gliela leva nessuno insieme ad una foto di Gentilini, a cui sicuramente l'amministrazione di Firenze si è ispirata per adottare queste misure"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. roma firenze veltroni gentilini

permalink | inviato da chemako il 31/8/2007 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
SPORT
31 agosto 2007
ANDREW COME TARDELLI

Andrew Howe ha compiuto un’impresa epica. Per la prima volta l’Italia si aggiudica la medaglia d’argento nel salto in lungo mondiale.
Andrew Howe ha ottenuto il record italiano all’ultimo salto della serie mondiale. Per qualche minuto l’Italia sportiva ha sperato, insieme al campione, di poter festeggiare l’oro, poi all’ultimo salto il fenomenale panamense Saladino ha utilizzato una delle tante frecce contenute nella sua faretra e ha raggiunto l’oro. Un oro meritato perché negli ultimi anni nessuno ha ottenuto, in modo costante, misure oltre gli 8 metri e 40 come ha fatto lui.

Il meritato oro di Saladino nulla toglie all’impresa di Andrew, aver realizzato il record italiano all’ultimo salto, quando si trovava fuori dal podio, dimostra che questo ragazzo ha il crisma del campione. La concentrazione prima del salto, la lucidità di correggere la corsa, la precisione nella stacco, l’eccellente chiusura del salto e la freddezza nell’aver capito, prima della misurazione, di aver realizzato una grande impresa dimostrano che Andrew Howe ha un grande presente ed un futuro da stella dell’atletica mondiale.

L’Italia dell’atletica aveva bisogno di un grande campione per dimenticare la brutta storia di doping di Gibilisco, la faccia pulita di Andrew darà nuova linfa ad uno sport meraviglioso ma che in campo maschile sentiva il bisogno di trovare un fenomeno. Andrew Howe è giovane, ha 22 anni, ma rappresenta il faro per tutti i ragazzi che si avvicinano all’atletica.

Tutta Italia oggi ha sospinto Andrew mentre si librava in volo per atterrare a 8,47, il suo urlo liberatorio resterà scolpito nei cuori dei tanti che hanno sofferto e gioito con lui.

Sicuramente il suo urlo resterà la copertina dell’atletica per molti anni come lo è stata per il calcio la corsa di Tardelli dopo il gol nella finale del mondiale di Spagna nel 1982.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. atletica andrew howe

permalink | inviato da chemako il 31/8/2007 alle 7:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
SOCIETA'
29 agosto 2007
UNA STAR PER UN NUOVO FAMILY DAY

Questa volta voglio dare un consiglio agli organizzatori del Family day, la prossima volta che vi riunite in piazza invitate questo senatore USA, è il perfetto testimonial della ipocrisia che regna nella vostra manifestazione.
Larry Craig, senatore repubblicano dell’Idaho (USA), è un fermo oppositore dei gay. Il suo odio verso gli omosessuali è notorio e lui non fa nulla per negarlo, anzi ne fa un segno "distintivo". L'omofobia di Larry Craig è nota negli USA; l'anno scorso ha proposto un emendamento alla Costituzione del suo Stato, l'Idaho, per bandire non solo i matrimoni tra persone dello stesso sesso ma pure le semplici unioni civili.
Fin qui purtroppo tutto "normale", Craig come molti politici americani (e anche italiani) si batte per negare diritti ad altri cittadini statunitensi rei ai suoi occhi di avere comportamenti sessuali diversi dai suoi.
Ora è vittima del contrappasso dantesco: è stato arrestato in un bagno di un aeroporto del Minnesota perché accusato di aver molestato, nei bagni degli uomini, un poliziotto in borghese.
Chissà in Italia quanti Larry Craig ci sono, pronti a battersi in pubblico per negare diritti, mentre nel privato si comportano in maniera opposta.
La "difesa" del senatore mostra quanto ridicolo possa essere un uomo pur di negare l'evidenza "Non sono gay, non lo sono mai stato. Non sono nemmeno colpevole. Ho sbagliato a dichiararmi tale con la polizia, ma volevo chiudere presto la faccenda. Un altro errore che ho commesso e' stato quello di non rivolgermi ne' a un avvocato ne' ai miei familiari per un consiglio".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Larry Craig Family day

permalink | inviato da chemako il 29/8/2007 alle 23:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
POLITICA
28 agosto 2007
UN DUBBIO ED UN INCUBO
Montezemolo se deciderà di fare politica in prima persona e non per conto terzi come sta facendo ora, potrà candidarsi sia con il Partito democratico sia con forza italia (o con il Pdl), questa possibilità mi fa venire un tremendo dubbio: Pd e Pdl (fi) sono la stessa cosa?

Stanotte ho avuto un incubo: Gustavo Selva (ex democristiano, ex di Alleanza Nazionale e oggi, dopo le sue finte dimissioni approdato in forza italia), componente della commissione difesa del senato (quella presieduta dal voltagabbana De Gregorio, l'eletto cobn l'Unione che per un pacchetto di noccioline si è venduto a Berlusconi) per recarsi a fare la spesa, volendo evitare il traffico, stava utilizzando un cingolato dell'esercito per passare sopra la fila di automobili che lo ostacolavano.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Pd Pdl forza italia Selva Montezemolo

permalink | inviato da chemako il 28/8/2007 alle 8:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
POLITICA
25 agosto 2007
LA CASTA NON SI ARRENDE

In questi ultimi giorni Walter Velroni è impegnato nel convincere i cittadini che lui non rappresenta l’ultimo tentativo di Margherita e Ds di riciclarsi per evitare di essere cancellati.
Il sindaco di Roma aveva assicurato che sarebbe andato in Africa dopo aver concluso il suo secondo mandato da primo cittadini, ora si ripresenta come uomo nuovo.
Scrive lettere aperte, rilascia interviste, non dicendo quello che il futuro Pd vuole realizzare (dovrebbe dichiarare che per lui il governo attuale sta “lavorando” male) ma cercando soltanto di vendere il nuovo prodotto. Veltroni vuol far credere che un partito che nasce da un’operazione politica concepita da D’Alema, Fassino, Marini, Rutelli e vecchi apparati, sia un partito nuovo e non l’estremo tentativo di realizzare un nuovo contenitore utile soltanto a cristallizzare il potere acquisito dai soliti noti.
Tra le varie frasi di Veltroni due hanno destato la mia attenzione in particolare. La prima è “Vogliamo un partito nuovo in cui nessuno arrivi con forme organizzate o correnti, in cui tutti si sentano chiamati a mescolarsi con gli altri, in un libero scambio di idee, di convinzioni e di culture politiche che sempre di più farà sentire ad ognuno di essere non una sola cosa, ma più d'una insieme. Così si definirà la nostra nuova identità comune”, bellissima frase, un misto fra lo stile kennediano ed il politichese italiano, una frase che è l’esatto contrario dell’operazione che porterà Veltroni sulla poltrona di segretario del Pd.
La seconda è “Il Partito democratico non potrà presentarsi alle elezioni all’interno di coalizioni disomogenee sul piano programmatico e piuttosto dovrà accettare il rischio, o sperimentare l’opportunità, di correre da solo”. Questa frase per me è rivelatrice del vero obiettivo delle gerarchie del Pd, il loro “sogno” è realizzare un’alleanza con UDC, parte di Forza Italia e con altri cespugli di centro per poter finalmente mettere in pratica l’isolamento di tutti quei partiti che provano a rappresentare (mai degnamente) la Sinistra nel nostro paese.
Rifondazione comunista, Verdi, Comunisti Italiani e Sinistra Democratica parlano da mesi della necessità di dare una nuova struttura alla Sinistra italiana, ma continuano a parlare senza dare risposte concrete agli elettori, in questo modo riusciranno soltanto a far aumentare in modo esponenziale coloro i quali decideranno di non andare a votare.
A destra le cose non vanno meglio e Berlusconi non riesce a far altro che rispondere alla nascita del Pd andando da un notaio e registrando un nuovo partito imponendo già il futuro segretario, quella Maria Vittoria Brambilla catapultata ai vertici del centrodestra soltanto perché nelle grazie del creatore e padrone di Forza Italia e non certo per meriti politici.
Nel nostro paese siamo di fronte all’estremo tentativo della casta di difendersi, tutti sono impegnati nel cercare di mantenere il proprio poter infischiandosene dei problemi dei cittadini e sono pronti a tutto pur di non mollare le loro poltrone.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Pd Verdi Rifondazione Sd Pdci Veltroni casta

permalink | inviato da chemako il 25/8/2007 alle 10:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
23 agosto 2007
PER NON DIMENTICARE NICOLA SACCO E BARTOLOMEO VANZETTI
Credo che un modo per ricordare Nick e Bart sia parlare oggi di Kenneth Foster e degli assasini di stato.
Kenneth Foster verrà assassinato in Texas il 30 agosto di quest’anno. Un uomo innocente (la sua colpevolezza non giustificherebbe comunque il suo assassinio) verrà sacrificato sull’altare della ragione politica. Il governatore dello stato, attraverso il suo portavoce, ha detto che non prenderà in considerazione la richiesta di moratoria fatta dall’Unione Europea.
Nulla potrà fermare la mano del boia texano, la loro giustizia prevede come soluzione finale l’assassinio ad ogni costo. Il Texas è lo stato assassino per eccellenza negli USA, governatore di questo stato è stato George W. Bush e la sua carriera politica è stata improntata sulla negazione sistematica di grazia per i condannati a morte (152 persone sono state assassinate dallo stato del Texas durante i suoi mandati). I suoi successori sono sulla stessa lunghezza d’onda. Per loro la carriera politica viene prima di tutto ed in quello stato la maggioranza dei cittadini è favorevole alla pena di morte, o meglio dire all’assassino di stato, di conseguenza i politici del luogo fanno a gara per mostrare agli elettori il pugno di ferro, quasi sempre su cittadini di origine afroamericana o su altre minoranze.
A questi signori della morte vorrei ricordare una frase contenuta nell’Idiota di Dostoevskij “La punizione di uccidere chi ha ucciso è incomparabilmente più grande del delitto stesso. L'omicidio in base a una sentenza è incomparabilmente pi atroce che non l’omicidio del malfattore.” E una di Cesare Beccaria “Parmi un assurdo che le leggi, che sono l'espressione della pubblica volontà, che detestano e puniscono l'omicidio, ne commettano uno esse medesime, e, per allontanare i cittadini dall'assassinio, ordinino un pubblico assassinio”.
Le parole di questi due grandi sono la migliore risposta ai piccoli uomini che si arrogano il diritto di assassinare altri uomini nascondendosi dietro la parola giustizia e rendendola in questo modo una parola priva di significato.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SAcco Vanzetti Kenneth Foster Bush Texas

permalink | inviato da chemako il 23/8/2007 alle 11:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
POLITICA
21 agosto 2007
BERTONE: GIUSTO PAGARE LE TASSE... MA NON PER TUTTI

Il cardinale Bertone ha dichiarato tutti dobbiamo fare il nostro dovere nel pagare le tasse secondo leggi giuste e nel destinare i proventi delle tasse a opere giuste e all'aiuto ai più poveri e deboli.
Queste parole sono state pronunciate dopo la scoperta dell’acqua calda di questa estate, gli sportivi italiani come Rossi e Capirossi (ma non solo gli sportivi) non pagano le tasse, si avvalgono delle leggi di altri stati per non versare le tasse allo stato italiano. Cosa più strana succede nei rapporti tra lo stato Italiano e lo stato Vaticano. Il Vaticano usufruisce delle leggi di uno stato straniero (l’Italia) per non pagare le tasse allo stesso stato che ospita le strutture commerciali della chiesa.
Molti politici della cdl e dell’Unione si sono impegnati a fare dichiarazioni per affermare che le parole del segretario di stato vaticano davano ragione alla loro parte.
Calderoli (Lega) “Le dichiarazioni odierne del cardinal Bertone rappresentano il miglior viatico per la rivolta fiscale che intendiamo mettere in atto'' .
Prodi "Sono d'accordo con tutte le parole del cardinale Bertone".
Visco (Ds) "Concordo pienamente con le sue dichiarazioni sulle tasse, sulle buone leggi, sulla necessità di aiutare coloro che hanno di meno".
Tutti hanno “benedetto” le parole del cardinale, nessuno ha fatto notare al prelato che le parole pronunciate dovrebbero valere per tutti, chiesa e nomenclatura vaticana compresa.
Nessun servizio dei telegiornali ha fatto notare questa cosa, per giorni si è parlato soltanto del messaggio di Bertone, ogni servizio aveva lo scopo soltanto di far credere ai telespettatori che il cardinale desse ragione all’una o l’altra parte politica.
Nessuna sorpresa, i politicanti ed i giornalai (mi scuso con i veri giornalai) italiani fanno a gara per non disturbare le alte nomenclature vaticane; poi all’improvviso una voce fuori dal coro, Paolo Cento, sottosegretario Verde al ministero dell’Economia e del Tesoro, dichiara “Pagare le tasse è un dovere di tutti anche della Chiesa”.
Ora sono certo che i soliti ipocriti presenti nei due schieramenti attaccheranno Cento, l’unico politico che ha detto quello che molti di noi pensano.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tasse cento bertone

permalink | inviato da chemako il 21/8/2007 alle 19:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
SOCIETA'
19 agosto 2007
ANGELI E DEMONI

In questo periodo sono molti gli argomenti che meritano di essere trattati, da Bush e Putin che giocano alla guerra fredda dimostrando che l’idiozia è una “qualità” fondamentale che un uomo deve possedere per aspirare a diventare il presidente di una grande potenza, agli assassini che usano l’automobile come un’arma, ai politicanti che propongono scioperi fiscali, ma la cosa che più mi ha fatto riflettere è lo sguardo di un bambino che ieri sera alle 22 stava chiedendo l’elemosina ad un semaforo del centro di Cassino (Fr).

Non è il primo bambino che nelle nostre ricche città è sfruttato, umiliato e maltrattato dagli adulti, da quelli che lo hanno venduto, da quelli che lo sfruttano e lo picchiano, da quelli che girano la testa dall’altra parte per evitare di dar soldi e da quelli che lo evitano perché sporco  e non bello profumato come i nostri bambini tutti griffati.
Ogni sera vedo bambini e bambine che corrono verso la stazione per prendere il treno che li riporterà dai loro aguzzini, i loro visi sono segnati, sono visibili i calchi di un’infanzia negata, di una vita che per loro ha solo la certezza di dolore e povertà, di una vita che non può nemmeno permettersi di sperare in un futuro migliore perché questi “angeli” non conoscono altro che sofferenza.
Non possiamo dire di vivere in un paese civile finché un solo bambino sarà costretto a soffrire per volontà di noi adulti. Non possiamo dire di vivere in un paese civile finché non stroncheremo questa tratta degli schiavi, non possiamo dire di vivere in un paese civile finché tutti, dalle istituzioni all’ultimo cittadino, preferiremo voltarci e non vedere che schifo di mondo abbiamo contribuito a creare.




permalink | inviato da chemako il 19/8/2007 alle 12:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
POLITICA
15 agosto 2007
ICHINO, ARISTOTELE E NARCISO

Leggendo questo articolo pubblicato dal Corriere della Sera si è rafforzata la mia idea: Ichino è stato "contagiato" dalla sindrome di narciso.
Quest'uomo come un novello
Narciso ormai si disinteressa di tutto, la sua unica ossessione è dimostrare che ha ragione. La sua immagine riflessa è la sua idea fissa di denigrare ed abbattare chiunque non la pensi come lui.
ichino ormai è convinto di essere il nuovo Aristotele, lui vorrebbe che l'ipse dixit fosse riferito al suo pensiero.
Fortunatamente siamo in molti a pensare che il suo "sragionare" sia solo figlio di un "calcolo pubblicitario"; invero da quando attacca tutto ciò che viene da sinistra è diventato un personaggio vendibile per l'informazione padronale italiana. Ichino sta facendo lo stesso percorso di Pansa, tutti e due hanno capito che l'unico modo per "sfondare" in Italia è attaccare la Sinistra (sia quella storica figlia della Resistenza, che quella odierna) e qualsiasi persona metta in discussione il loro pensiero unico. Da questo punto di vista per Ichino è normale attacare
Schiavi Moderni di Beppe Grillo, un libro, per meglio dire una raccolta di storie di ordinario precariato in Italia. Un libro commentato positivamente dal premio nobel per l'economia Joseph Stiglitz e dal professor Mauro Gallegati. Un libro che ha ricevuto il plauso del Presidente della Repubblica.
Questi sono dettagli per Ichino, per lui l'unica cosa che conta è dire che le ultime leggi sul lavoro (dal pacchetto Treu alla legge Maroni) sono state ottime leggi.
Povero Ichino, ormai lui si è guadagnato di diritto una menzione speciale l'8 Settembre, il Vaffanculo Day sarà anche per lui, fedele "servitore" della casta politica e di quella economica.

Immagine:Michelangelo Caravaggio 065.jpg

Michelangelo Merisi detto Il Caravaggio: Narciso (1594-1596). Roma, Galleria nazionale d'arte antica.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Narciso Aristotele Ichino Pansa vaffanculo day

permalink | inviato da chemako il 15/8/2007 alle 23:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
POLITICA
12 agosto 2007
L'ITALIA HA BISOGNO DELLA SINISTRA

La Margherita e i D.s. hanno accelerato, ad ottobre proveranno a far nascere un nuovo partito di centro, con lo scopo di poter governare senza la presenza della sinistra, magari alleandosi con l’UDC del “cattolico” Casini. Questa deriva centrista deve essere riequilibrata da una forte e coesa Sinistra.
In questi mesi si percepisce (basta parlare con la gente e non rinchiudersi nelle stanze con il solito “ceto” politico) il bisogno di Sinistra che c’è nel nostro paese.
Gli italiani chiedono sostegno alle fasce più deboli, lotta senza quartiere al precariato, abbattimento dei privilegi e dei costi della politica, difesa dell’ambiente, tutte prerogative che devono (purtroppo dovrebbero) essere il pane quotidiano per chi fa Politica di Sinistra. Invece assistiamo ad un continuo rimbalzarsi la palla tra Sinistra democratica, Verdi, Pdci e Rifondazione, nessuno che comprenda che questa nostra divisione è pericolosa per la “vita” della Sinistra in Italia. Gli elettori ci chiedono una risposta adeguata e rapida alla loro forte richiesta di Sinistra. Ci chiedono unità, ci chiedono di lasciar perdere i nostri “orticelli” e di impegnarci per risolvere i problemi che stanno affossando la nostra Italia. Ci chiedono di smetterla di discutere e di iniziare ad agire. Personalmente sono convinto che bisogna andare oltre i leader dei partiti della sinistra, la loro difesa dell’orticello è pericolosa, noi compagni della base, noi che cerchiamo i voti mettendoci la faccia, dobbiamo fare un grande sforzo di unità, dobbiamo ricominciare a far politica fuori dalle stanze della casta, dobbiamo far politica tra il Popolo e per il Popolo, dobbiamo ritornare a rappresentare la Sinistra.

9 agosto 2007
V-DAY: L'ASSEDIO PACIFICO AFFONDERA' LA BARCA DELLA CASTA

Ora abbiamo anche l'inno per il Vaffanculo Day. L'8 settembre sarà l'occasione per mandare a fanculo una casta che è sempre più assurda, da Selva che usa l'ambulanza per andare in televisione; passando per Cesa che chiede altri soldi per i poveri parlamentari costretti ad andare a puttane per la lontananza dalle loro sante mogli; dal prescritto fai da te di Arcore che continua impunemente a  non pagare grazie alle sue leggi; da Previti che evita di essere cacciato dimettendosi cercando di passare per vittima; da Casini, paladino della famiglia basata sul matrimonio, che fa figli con la compagna; da D'Alema, paladino degli accordi con Berlusconi, pronto a spargere veleno su chiunque osi contrastarlo; da Fassino che candida la moglie, da Pecoraro che candida il fratello; da Poletti che da leghista diventa deputato dei Verdi per grazia ricevuta da san Alfonso; dalla Santanchè che manda a fanculo i suoi datori di lavoro che manifestono la loro contrarietà ai dipendenti; da Mastella ministro dell'ingiustizia; da Di Pietro ottimo ministro della Giustizia che ancora non ha capito che quel ministero non è il suo; da Veltroni che doveva andare in Africa ma ha deciso che è meglio la poltrona in Italia; da Fioroni impresentabile ministro dell'istruzione che pensa più a negare diritti agli altri (family day) che a sistemare la scuola italiana; da Marini e Bertinotti che dimenticando di essere stati sindacalisti, ancora non hanno risolto lo scempio dei portaborse che lavorano in nero in parlamento.
Potrei continuare per pagine e pagine ma credo che questi siano motivi sufficienti per partecipare l'8 Settembre al vaffanculo Day.

L'assedio pacifico affonderà la barca della casta.

  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vaffanculo day v-day

permalink | inviato da chemako il 9/8/2007 alle 9:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
politica interna
8 agosto 2007
IL SALTO DELLA QUAGLIA

Qualche mese fa ho conosciuto Maurizio Verrecchia, un consigliere comunale di opposizione a Cassino.
Chiacchierando con un amico comune abbiamo affrontato la questione amministrazione comunale.
Vista la mia chiara opposizione al centrodestra che governa Cassino ho subito palesato quali guasti stia producendo l'amministrazione del sindaco Scittarelli. Ho detto a Maurizio che la colpa maggiore di questa amministrazione è l'aver fatto recepire alla cittadinanza che il furbastro è privilegiato nei riguardi del cittadino onesto, che a Cassino mancava la cultura della legalità. Lui mi ha dato ragione ed ora con sorpresa apprendo dai giornali locali che lui da consigliere di opposizione è diventato consigliere di maggioranza...non ho parole, o meglio le ho ma preferisco dirle quando lo incontro.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Cassino

permalink | inviato da chemako il 8/8/2007 alle 16:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
politica interna
2 agosto 2007
VERDI vs FORZA ITALIA

Il dover rispondere al coordinatore di Forza Italia sta diventando noioso, ma purtroppo questo “saltimbanco” della politica santandreana continua a voler trascinare i Verdi in una polemica priva di contenuti.
I due rappresentanti di F.I. dopo alcuni mesi di silenzio hanno partorito un articolo fondato sul nulla, un articolo degno del loro impalpabile agire politico.
Il rappresentante politico di Forza Italia che continua ad attaccarmi ed ad attaccare i Verdi sulla stampa dovrebbe fare uno sforzo di memoria ed uno sforzo di obbiettività. La memoria gli servirebbe per ricordare i suoi innumerevoli cambi di partito e di compagine amministrativa, l’obbiettività potrebbe aiutarlo a capire il motivo per il quale nessuno resiste a far politica con lui per troppo tempo.
Blatera sulle deviate interpretazioni sul loro parlare di incesto (questa volta ha aumentato il carico di fesserie sui Di.co. arrivando a parlare di poligamia), voglio ricordargli che nessuno ha mai interpretato nulla, ho solo riportato quello che hanno scritto nella mozione presentata in consiglio comunale (forse non ricorda oltre ai suoi cambi di partito nemmeno quello che scrive).
Nella sua distorta ricostruzione dei fatti del dopo amministrative del 2004 dimentica di dire che il loro rappresentante in maggioranza aveva preso meno voti di altri candidati ma lo stesso coordinatore pretese la poltrona di assessore per F.I. accampando accordi che per tutta la campagna elettorale erano stati tenuti nascosti. Solo per rispetto verso gli elettori che avevano tributato una trionfale vittoria al sindaco ed alla nostra lista i Verdi accettarono l’offerta del primo cittadino di rappresentare la maggioranza in comunità montana.
Nella sua fantomatica visione della politica è convinto che dietro ogni azione ci siano oscuri manovratori, voglio tranquillizzarlo i Verdi di Sant’Andrea non sono manovrabili. Sono consapevole che questo è un grande difetto agli occhi di questo personaggio abituato ad agire nell’ombra. Lo invito a palesare a tutti noi le sue grandi capacità politiche, finalmente potrà decidere di candidarsi in prima persona ma sono certo che non lo farà mai: il giudizio degli elettori fa paura.
Gli attacchi del rappresentante di F.I. sono sempre pregni di livore e privi di contenuti. Critica l’amministrazione solo per il fatto che secondo lui è gestita dalla sinistra, sua antica casa, ma mai riesce a sollevare questioni di merito, se ne deduce che per lui questa maggioranza amministra bene e non avendo modo per attaccarla sul piano amministrativo si inventa attacchi inutili e inconcludenti.
Se fosse vero che il sindaco guarda a sinistra lo capirei, è impossibile essere di destra nel nostro paese se si guarda a chi gestisce Forza Italia.
Sull’ultimo tentativo di creare scompiglio in maggioranza siamo certi della trasparenza del sindaco e quindi noi Verdi prendiamo le affermazioni di messaggi in codice verso F.I. per quello che sono: tentativi di un uomo di partito consapevole del fatto che per lui tutte le strade sono chiuse e che per far parlare di sé è ridotto ad inventare messaggi cifrati in stile “pizzini”. Forse lo fa in onore dei tanti parlamentari del suo partito condannati in via definitiva.
Nel suo strampalato articolo evoca anche la P2 e questa volta è un chiaro omaggio al suo capo, Berlusconi, noto tesserato con la loggia eversiva.
Noi Verdi siamo disposti a confrontarci con gli esponenti di F.I. sul piano politico, alcuni di loro in passato hanno condiviso con noi scelte politiche ed amministrative, ma se decideranno di seguire il loro coordinatore cittadino si condanneranno da soli ad un isolamento politico irreversibile che li renderà come coloro che quando un dito indica la Luna perdono tempo a guardare il dito.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Verdi

permalink | inviato da chemako il 2/8/2007 alle 9:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre


Attratti dalla calamita
L'ANTIPOLITICANTE
ERMES
ALICE (lo splendido LunaParkMentale)
OCCHI COME IL MARE
LA SCRITTURA CREATIVA
ROSSO ANTICO
MEDITERRANEO BLU (blog in letargo)
terzostato
COMPAGNO FRANCESCO
misswelby
Mr.Tambourine
gizm0
Maria Rubini
LA BATTITURA (blog in letargo)
L'ARCHEOLOGA VERDE (blog in letargo)
UN COMPAGNO A PRAGA
GALATEA
PENNAROSSA
COMPAGNO FABIO
RINASCITA NAZIONALE
SCACCHI E JAZZ
GIACOMO
FIOREDICAMPO
UN PRETE NO GLOBAL
CRISTINA
BEPPONE
UN GRAN TALENTO
SERAFICO
ELIOLIBRE
ARADIA - IL PANE E LE ROSE
QUALCOSADIRIFORMISTA
DRACULIA
TIZIANA ED EMANUELE
ALSOM (blog in semiletargo)
ATTIMO FUGGENTE (blog in letargo)
ANTIGUA (blog in letargo)
CAOSEKOSMOS
LOU MOGGHE (blog in letargo)
TRITON (blog in letargo)
IL CAVALIERE ERRANTE (blog in letargo)
IL POSTO DELLE FRAGOLE (blog in letargo)
FULMINI
RIGITANS
IRENE
CLAUDIA, BELLA E INTELLIGENTE
COMPAGNA LIA (blog in letargo)
ADELE PARRILLO
PIERO RICCA
SA ESSERE UN PREZIOSO SUGGERITORE
ZIAGRARIAAMA
LADYTUX
KORVO ROSSO
CONTROBAVAGLIO (blog in letargo)
COMPAGNO NICOLA
ZADIG
ROSASPINA
semplicemente VULCANOCHIMICO
ALZATACONPUGNO (blog in letargo)
LAURA
MESLIER (blog in letargo)
YCHE
KIA
LA PROFESSORESSA
SHAMAL
LUNA (blog in letargo)
ANTONIO MASOTTI (blog in letargo)
NONSIAMOPERFETTI
COMPAGNO IRLANDA
LA PETIZIONE (blog in semiletargo)
IGUANA BLU (blog in letargo)
IOESISTO (Barbara)
FRANCESCA (blog in letargo)
NOMEFALTANADA (blog in letargo)
ULTIMO DEI RIBELLI (blog in letargo)
SCIURET (blog in letargo)
ESTHER (blog in letargo)
GARBO
MIKYROSS (blog in letargo)
GIUSEPPE (blog in letargo)
ALESSIA
GABRI/BABELLE
BEPPE CAVALLO
MICHELA (blog in letargo)
MARIA (blog in letargo)
CUORE DI VETRO (blog in letargo)

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Luigi Rossi | Crea il tuo badge
Luigi Rossi Adotta un bambino a distanza – SOS Villaggi dei Bambini Greenpeace Italia

SANT'ANDREA DEL GARIGLIANO


                         




 

Berluscounter!

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

blog italia, directory blog italiani

lettera aperta
al compagno Luigi

9 dicembre 2005

Compagno Luigi,
ti chiamo compagno, in quanto mangiamo alla stessa tavola della lotta e condividiamo il pane della rabbia e della voglia di cambiare.
Diversi impegni tengono noi entrambi su una corda, come dei funammboli con la benda sugli occhi e senza alcuna protezione sotto di noi.
A volte accadono delle cose e si perde l'equilibrio, col rischio di cadere per terra, col rischio di morire dentro. Ma spesso, quando un funambolo perde l'equilibrio, c'è sempre uno che, tenendosi stretto a una corda d'emergenza, gli va incontro e gli tende una mano.
Così vorrei fare io con questo post. E non preoccuparti di prendere, oltre alla mano, anche il braccio; sei un compagno, è il minimo che possa darti.

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti,
venite portaborse, ruffiani e mezze calze,
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatto del qualunquismo un arte,
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto, assurdo bel paese.
Non me ne frega niente se anch' io sono sbagliato,
spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;
coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco,
io non perdono, non perdono e tocco!

[
c'è bisogno di dire il titolo e l'autore di questa canzone?]

un abbraccio,
Nicola

  
Che Guevara
assassinato il 9 ottobre 1967


Ingrid Betancourt
rapita il 23 febbraio 2002


Peppino Impastato
assassinato il 9 maggio 1978


Rosario Livatino
assassinato il 21 settembre 1990





post<li> 

Performancing Metrics