.
Annunci online

luigirossi
il blog di chemako
politica interna
29 dicembre 2009
SEL e la follia autodistruttiva

Quando Nichi Vendola parla non dice mai cose banali ed è sempre interessante ascoltarlo.Riconoscendo a Nichi qualità superiori alla media dei politici italiani ho sperato che il mio entusiasmo tornasse a rivivere, invece leggendo la pletorica lista di “dirigenti” che fanno parte del coordinamento nazionale e del Comitato scientifico (che roba è? A cosa serve? Perché continuano ad ampliarlo? Perché c'è poco spazio per le nuove generazioni ed effettivo ricambio?) di Sinistra Ecologia e Libertà, mi rendo conto che ancora non siamo all’anno zero della sinistra italiana. O per meglio dire, siamo all’anno zero ma né i dirigenti di SEL né i dirigenti dei partiti comunisti hanno compreso la gravità della situazione e continuano a ritagliare spazi per i soliti noti, preferendo scissioni inutili per la Sinistra ma funzionali al partito unico Pd- Pdl. Per troppi anni ho votato e mi sono speso per questi personaggi in cerca d’autore e ora sono stufo di assistere sempre al solito triste teatrino della politica.

Da qui alle regionali coltiverò la speranza che qualcuno dimostri che vale la pena spendersi ancora per la Politica, se invece continueremo ad assistere a questi giochini vorrà dire che la sinistra italiana merita non uno ma 1000 piduisti come presidenti del consiglio.

Ecco il lungo elenco di dirigenti, un nemero talmente alto che se continuano con questi giochini rischia di superare il numero degli elettori

Nichi Vendola portavoce

Coordinamento nazionale:

BANDOLI Fulvia, BOCCHINO Valentina, CATIZONE Eva, CENTO Paolo, CERUTTI Monica, CLARK Lisa, CREMONESI Chiara, DE PETRIS Loredana, DEIANA Elettra, DI PALMA Dino, FARINA Daniele, FAVA Claudio, FERRARA Ciccio, FRATOIANNI Nicola, FUMAGALLI Marco, FURFARO Marco, GUIDONI Umberto, LEONE Betty, MATTIOLI Gianni, MIGLIORE Gennaro, PALAZZOTTO Erasmo, PALMA Mauro, PARMENDOLA Mariella, PERUGIA Chicca, RAGOSTA Michele, ROBOTTI Luca, SALACONE Simonetta, SASSO Alba, SCOTTO Arturo, SGRENA Giuliana, VENDOLA Nichi, ZAN Alessandro

Primo elenco del Comitato Scientifico che sarà poi completato dalle proposte del Presidente Fabio Mussi e del coordinamento nazionale:

Acciarini Chiara, Agostinelli Mario, Belillo Katia, Bellucci Sergio, Barretta Franco, Boccia Maria Luisa, Buiatti Marcello, Bulgarelli Mauro, Calopresti Mimmo, Calzolaio Valerio, Castorina Paolo, Cini Marcello, Cristante Stefano, Dalmaso Monica, De Santis Carlo, Di Salvo Titti, Flamigni Carlo, Forgione Francesco, Francescato Grazia, Fundarò Massimo, Gagliardi Rina, Gianni Alfonso, Giordano Franco, Giovagnoli Sergio, Labate Wilma, Marrello Luigi, Musacchio Roberto, Mussi Fabio (Presidente), Napoletano Pasqualina, Napolini Folco, Nardi Monica, Occhetto Achille, Parisi Giorgio, Pignataro Ferdinando, Pisapia Giuliano, Pomeranzi Bianca, Salvadori Sandro, Sarasini Bia, Sentinelli Patrizia, Serafini Massimo, Simonetti Luisa, Tajani Cristina, Terranova Paolo, Tortorella Aldo, Zanotti Katia


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra

permalink | inviato da chemako911 il 29/12/2009 alle 10:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
politica interna
18 ottobre 2009
L'ultima speranza: Ignazio Marino, Luigi De Magistris, Claudio Fava e Monica Frassoni
In questa Italia ormai alla frutta, derisa dagli organi di stampa dei paesi occidentali, sembra non aver fine questa deriva politica, sociale e culturale. In questa situazione decadente è facile per il ducetto di Arcore affermare il culto della propria persona. Come un novello Caligola riempie il Parlamento, da lui ogni giorno deleggitimato, con tanti somari servili. Acquista giovani avversari alla Capezzone per aumentare il livello di scontro con un'opposizione che non c'è, arruola giovani donne per soddisfare il voyeurismo tipico di noi italiani. Le sue televisoni riempiono la testa dei telespettatori di fesserie alla Maria De Filippi, di finte trasmissioni di sinistra gestite dal sinistro piduista Maurizio Costanzo, i suoi giornali diventano armi puntate contro ogni minima opposizione, giornali guidati dai vari Signorini e Feltri, due comandanti dei plotoni di esecuzione, pronti a "fucilare" ogni persona che si oppone al pensiero unico di Arcore. Tutta la propria azione mira a creare una cortina fumogena per meglio poter agire per i propri interessi economici e per sfuggire alla giustizia. L'opposizione invece di evidenziare questa azione tipicamente sovversiva perde tempo come fa Franceschini o peggio si presta ad ennesimi inciuci alla D'Alema.
Oggi in Italia c'è una sola speranza per raddrizzare questa situazione da dittatura borderline: Ignazio Marino segretario del Pd, Luigi De Magistris segretario dell'Idv e Claudio Fava leader della Sinistra (da ex Verde dico anche che Monica Frassoni è l'unica capace di guidare una forza ecologista credibile).
POLITICA
12 ottobre 2009
Congresso dei Verdi...dalla padella alla brace
Ormai è chiaro, i gruppi dirigenti dei partiti della sinistra non imparano dalle lezioni che gli elettori stanno provando a dare da molti anni.
Un piccolo bacino di voti diviso tra Sinistra e libertà, Rifondazione, Pdci, Vendoliani e Verdi. Tutti contro gli altri armati. Il Popolo della Sinistra chiede unità e loro continuano a scindersi. Ormai questi partiti sono diventati nano particelle che non affascinano e non trascinano ma servono solo a far dibattere personaggi che non hanno nulla da dare per far crescere la Sinistra.
I Verdi, il mio partito (ex partito da un paio di anni) è la dimostrazione lampante di quanto inutile e sterile sia questa lotta interna tra i dirigenti che hanno seppellito il partito; unico partito Verde in Europa che invece di crescere riesce a dividere anche quel misero 1% di consenso rimasto.
Dopo innumerevoli batoste elettorali i nomi di coloro che si propongono di risollevare la sinistra sono gli stessi che l’hanno affossata.
Se i vari Boato, Bonelli, De Petris, Cento, Bettin, Fundarò, ecc. avessero a cuore la crescita elettorale ma soprattutto la concretizzazione di una vera politica ecologista avrebbero fatto un passo indietro per permettere un vero ricambio di persone e di idee. Invece ancora oggi ci troviamo a parlare delle solite cose e delle solite prospettive: da una parte chi aspira a diventare o un cespuglio del Pd dalemiano o un’alleanza ibrida con i Radicali (Bonelli e Boato) e chi, invece di dare vita ad un vero partito di Sinistra, punta all’ennesima riedizione di un cartello elettorale che mai ha pagato nella storia degli ecologisti italiani (De Petris, Cento, Francescato).
Un vero peccato, perché in questo pianto greco una figura in grado di rilanciare gli ecologisti italiani c’è ed è Monica Frassoni. In Europa lo hanno capito e mentre quelli italiani litigavano, i partiti ecologisti europei indicavano in Monica Frassoni la migliore soluzione per ricoprire il ruolo di portavoce del Partito dei Verdi europei.
Con questo cieco gruppo dirigente è giusto intonare il de profundis del Sole che ride ed è grottesco leggere le dichiarazioni di chi, da favorito, ha perso il congresso. La scelta è semplice o si resta nei Verdi o si aderisce a sinistra e libertà da cittadini elettori. Purtroppo il fascino del non essere un semplice elettore è troppo forte in chi ha sempre cercato un posto al sole e già parlano di nascita di nuove associazioni di Verdi per Sinistra e libertà.
Emblematica l’assenza del capo dei Verdi negli ultimi anni. Il fantasma di Alfonso Pecoraro Scanio sicuramente si aggirava per il congresso e conoscendo la sua influenza su molti Verdi non mi meraviglierei se, come sempre, avesse deciso lui chi far vincere e chi far perdere.
Purtroppo la stessa analisi si può fare di ogni nano particella della sinistra italiana.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Verdi Sinistra

permalink | inviato da chemako il 12/10/2009 alle 6:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
POLITICA
20 novembre 2008
Alle elezioni europee non andrò a votare

Come riporta Marco Travaglio su l'Unità di ieri "Tutti gli eurodeputati italiani presenti - Pd, Pdl, Lega e sinistra “radicale” - han votato per salvare D’Alema (a parte Pannella, Cappato e Ferrari, più Casini astenuto)... Il Parlamento europeo ha coperto tutto con immunità tombale: i pm non potranno valutare, come avevano chiesto, se quelle parole configurino per caso un concorso nell’aggiotaggio di Consorte".

Bene con questa presa di posizione degli europarlamentari italiani finalmente posso sciogliere il dubbio che rischiava di accompagnarmi fino alle elezioni europee di giugno 2009: votare o non votare.
Non andrò a votare perché questi politicanti hanno agito come al solito proteggendosi a vicenda. D'Alema ora è il campione da difendere e tutelare anche per la pseudo sinistra radicale; in lui vedono la speranza di costruire un'alleanza elettorale finalizzata a difendere le poche poltrone rimaste.
D'Alema è sicuramente innocente, ma da libero cittadino sogno che a deciderlo siano i magistrati e non i suoi sodali.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. D'Alema sinistra elezioni europee

permalink | inviato da chemako il 20/11/2008 alle 9:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
POLITICA
25 gennaio 2008
I VERI RESPONSABILI DELLA CADUTA DEL GOVERNO

La caduta del governo Prodi non è da attribuire al sindaco di Ceppaloni. Il meschino Mastella resta, come direbbe il grande Totò, uno quaquaraquà, un pessimo ministro che per paura di sparire politicamente (ogni proposta di legge porterà all’ovvia sparizione di un partito inutile e rappresentativo solo di Ceppaloni) e per paura delle inchieste (non parlo di quella ridicola di Santa Maria Capua Vetere, ma di quelle di pm come De Magistris) ha deciso di passare tra le fila di una coalizione che potrà condividere fortemente le sue stesse paure nei confronti della magistratura.

Le colpe di questa caduta partono da lontano.

La colpa è di Antonio Di Pietro che, se avesse continuato il lavoro iniziato con Mani Pulite, ci avrebbe fatt avere oggi un parlamento con meno Cirino Pomicino, De Michelis e compagnia di giro.

La colpa è di Antonio Di Pietro che non ha preteso il ministero della Giustizia.

La colpa è di D’Alema e Veltroni, che continuano a guerreggiare tra di loro infischiandosene degli interessi degli italiani.

La colpa è di Otello-Veltroni che, accecato dalla voglia di liberarsi di Desdemona-Prodi e mal consigliato dal suo Iago-Bettini, ha sacrificato l’Unione per correre da solo, una corsa che lo porterà per fortuna a sbattere contro un muro.

La colpa è di Rutelli (il mangiatore di cicoria) che ha deciso di nominare in parlamento (soprattutto al senato, mostrando per l’ennesima volta una incapacità politica assoluta) personaggi che non hanno portato nessun voto aggiuntivo al centro-sinistra come la Binetti, Carra, Bobba (che hanno minato il governo dall’interno, con il loro servilismo nei confronti di Ruini), Polito (inutile giornalista e inutile senatore, sempre pronto a sparare alzo zero verso gli alleati), Fisichella (monarchico, alleanzino, novello cavallo di Troia, pronto a tradire alla prima occasione buona), Dini e il suo scudiero (uomini di destra, una destra becera e spregiudicata sul piano economico, pronti a tradire per un pezzo di pane).

La colpa è di Bertinotti che per la comoda poltrona di presidente della camera ha rinunciato a diventare ministro del lavoro, tradendo il desiderio di milioni di lavoratori che speravano in un governo dalla loro parte.

La colpa è di Pecoraro Scanio che ha voluto fare il presidente di partito e il ministro, riuscendo a farsi attaccare su ambedue  i fronti.

La colpa è di Diliberto che ha mandato al governo il timido Bianchi invece che una persona capace di contrastare la deriva centrista.

La colpa è della sinistra che ha accettato di allearsi con chiunque pur di vincere le elezioni. Una sinistra che ancora non capisce che bisogna abbandonare la bizzarra idea della federazione ma fondare un moderno partito unitario di sinistra, un partito con le radici piantate nel glorioso passato comunista, socialista e ambientalista ma che guarda con occhio moderno alle sfide che ci aspettano.

La colpa è di Prodi che non ha insistito per fare una legge seria sul conflitto di interessi (non la barzelletta di Gentiloni) e una legge elettorale onesta subito.

La colpa è della Margherita e dei Ds che per timore hanno evitato il ministero della Giustizia offrendolo alla persona meno adatta.

Il risultato di questa somme di colpe ci porterà a nuove elezioni in un momento in cui il mondo teme una recessione. Siamo proprio un paese barzelletta.
Altro risultato importante è stata la distribuzione di fondi  a Confindustria e nulla ai lavoratori.

Ovviamente se si andasse ad elezione con una legge elettorale che non permetta ai cittadini di scegliere il candidato, personalmente non andrò a votare e mi adopererò per il non voto…cosa da poco, ma visti i risultati delle ultime elezioni anche pochi voti possono essere determinanti.

POLITICA
10 dicembre 2007
L'UNICA SINISTRA E' DI MOVIMENTO
Il lento (troppo lento) cammino verso una grande forza di sinistra è iniziato. Per fortuna a ricordare a questi "giovani" leader di partito che il tempo corre inesorabile verso la fine della sinistra italiana c'è un grande vecchio, giovane nella passione politica e civile. Pietro Ingrao ha ricordato a tutti che è ora di muoversi "Fate presto perché la vostra unità urge e il Paese ne ha bisogno".
Il compagno Ingrao ha ragione, dobbiamo tutti sbrigarci e ricordare che esiste una sola Sinistra e che la Sinistrà è di Movimento.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra ingrao

permalink | inviato da chemako il 10/12/2007 alle 10:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
POLITICA
7 luglio 2007
Berlusconi e la sinistra italiana: due mali

In Italia si è imposto “il neoliberismo economico, nella sua versione più corrotta”. “Parlo di un neoliberismo molto più perverso di quello che difendono Friedman o Vargas Llosa. Parlo di un miscuglio tra populismo, fascismo e commedia buffa. Parlo di una prassi politica che consegna tutto in mano al mercato. Parlo della fine dell’etica e della morale pubblica, del <tutto è valido>. Parlo di Berlusconi. Quando per irresponsabilità della sinistra italiana Berlusconi arrivò al potere…”

Questo scrive il grande Sepùlveda nella prefazione del libro “Politicamente scorretto. Riflessioni di un giornalista fuori dal coro” di Gianni Minà, un libro da leggere e rileggere.
Ora la sinistra sta creando le condizioni, per sua irresponsabilità, per far tornare al governo il peggiore dei mali possibili: Berlusconi ed il suo codazzo di servitori.

http://aiutiamoletizia.it

http://beppegrillo.it/vaffanculoday/

sfoglia
novembre        gennaio


Attratti dalla calamita
L'ANTIPOLITICANTE
ERMES
ALICE (lo splendido LunaParkMentale)
OCCHI COME IL MARE
LA SCRITTURA CREATIVA
ROSSO ANTICO
MEDITERRANEO BLU (blog in letargo)
terzostato
COMPAGNO FRANCESCO
misswelby
Mr.Tambourine
gizm0
Maria Rubini
LA BATTITURA (blog in letargo)
L'ARCHEOLOGA VERDE (blog in letargo)
UN COMPAGNO A PRAGA
GALATEA
PENNAROSSA
COMPAGNO FABIO
RINASCITA NAZIONALE
SCACCHI E JAZZ
GIACOMO
FIOREDICAMPO
UN PRETE NO GLOBAL
CRISTINA
BEPPONE
UN GRAN TALENTO
SERAFICO
ELIOLIBRE
ARADIA - IL PANE E LE ROSE
QUALCOSADIRIFORMISTA
DRACULIA
TIZIANA ED EMANUELE
ALSOM (blog in semiletargo)
ATTIMO FUGGENTE (blog in letargo)
ANTIGUA (blog in letargo)
CAOSEKOSMOS
LOU MOGGHE (blog in letargo)
TRITON (blog in letargo)
IL CAVALIERE ERRANTE (blog in letargo)
IL POSTO DELLE FRAGOLE (blog in letargo)
FULMINI
RIGITANS
IRENE
CLAUDIA, BELLA E INTELLIGENTE
COMPAGNA LIA (blog in letargo)
ADELE PARRILLO
PIERO RICCA
SA ESSERE UN PREZIOSO SUGGERITORE
ZIAGRARIAAMA
LADYTUX
KORVO ROSSO
CONTROBAVAGLIO (blog in letargo)
COMPAGNO NICOLA
ZADIG
ROSASPINA
semplicemente VULCANOCHIMICO
ALZATACONPUGNO (blog in letargo)
LAURA
MESLIER (blog in letargo)
YCHE
KIA
LA PROFESSORESSA
SHAMAL
LUNA (blog in letargo)
ANTONIO MASOTTI (blog in letargo)
NONSIAMOPERFETTI
COMPAGNO IRLANDA
LA PETIZIONE (blog in semiletargo)
IGUANA BLU (blog in letargo)
IOESISTO (Barbara)
FRANCESCA (blog in letargo)
NOMEFALTANADA (blog in letargo)
ULTIMO DEI RIBELLI (blog in letargo)
SCIURET (blog in letargo)
ESTHER (blog in letargo)
GARBO
MIKYROSS (blog in letargo)
GIUSEPPE (blog in letargo)
ALESSIA
GABRI/BABELLE
BEPPE CAVALLO
MICHELA (blog in letargo)
MARIA (blog in letargo)
CUORE DI VETRO (blog in letargo)

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Luigi Rossi | Crea il tuo badge
Luigi Rossi Adotta un bambino a distanza – SOS Villaggi dei Bambini Greenpeace Italia

SANT'ANDREA DEL GARIGLIANO


                         




 

Berluscounter!

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

blog italia, directory blog italiani

lettera aperta
al compagno Luigi

9 dicembre 2005

Compagno Luigi,
ti chiamo compagno, in quanto mangiamo alla stessa tavola della lotta e condividiamo il pane della rabbia e della voglia di cambiare.
Diversi impegni tengono noi entrambi su una corda, come dei funammboli con la benda sugli occhi e senza alcuna protezione sotto di noi.
A volte accadono delle cose e si perde l'equilibrio, col rischio di cadere per terra, col rischio di morire dentro. Ma spesso, quando un funambolo perde l'equilibrio, c'è sempre uno che, tenendosi stretto a una corda d'emergenza, gli va incontro e gli tende una mano.
Così vorrei fare io con questo post. E non preoccuparti di prendere, oltre alla mano, anche il braccio; sei un compagno, è il minimo che possa darti.

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti,
venite portaborse, ruffiani e mezze calze,
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatto del qualunquismo un arte,
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto, assurdo bel paese.
Non me ne frega niente se anch' io sono sbagliato,
spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;
coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco,
io non perdono, non perdono e tocco!

[
c'è bisogno di dire il titolo e l'autore di questa canzone?]

un abbraccio,
Nicola

  
Che Guevara
assassinato il 9 ottobre 1967


Ingrid Betancourt
rapita il 23 febbraio 2002


Peppino Impastato
assassinato il 9 maggio 1978


Rosario Livatino
assassinato il 21 settembre 1990





post<li> 

Performancing Metrics