.
Annunci online

luigirossi
il blog di chemako
politica interna
1 settembre 2008
Il commisario straordinario è Augusto o Ugo Fantozzi?

Il "prescitto fai da te" in campagna elettorale inventa la bufala della cordata italiana per salvare Alitalia.
La cordata non esiste, poi alcuni "imprenditori" partoriti dal veltrusconismo imperante decidono di prendersi la parte produttiva della compagnia di bandiera e di lasciare sul groppone dello Stato (su noi eterni finanziatori inconsapevoli di questi finti imprenditori con i soldi nostri) debiti e esuberi.
Il "prescritto fai date" e i suoi dipendenti modificano una loro legge (la legge "Marzano") pur di rendere legale un'operazione di "alpinismo finanziario" (tutto diventa lecito nell'era del fantasioso Tremonti, ministro commercialista).
In tutta questa confusione chi si propone di salvare Alitalia: Fantozzi.
Appena ho letto che Fantozzi si era reso disponibile a farsi nominare commissario straordinario, ho pensato al ragionier Ugo Fantozzi. Soltanto il personaggio di Paolo Villaggio poteva essere capace di fare questo "lavoro" impossibile pur di compiacere il supermegadirettore di Arcore. Mi sbagliavo, il Fantozzi in questione non era il ragionier Ugo, ma il professor Augusto.
Lo stesso Fantozzi ministro delle Finanze, del Bilancio e del Coordinamento delle politiche dell'Unione Europea durante il Governo Dini e poi Ministro per il Commercio con l'estero dal 1996 al 1998 durante il Governo Prodi. Un uomo eletto e nominato ministro in governi di centro-sinistra o in governi nati dopo la caduta del primo governo Berlusconi, che, in periodo di veltrusconismo, ritiene giusto proporsi come paravento alle spregiudicate operazioni di Berlusconi.
Pensare che in Italia qualcuno si lamenta della disaffezione verso la politica da parte dei cittadini, ma che politica è quella fatta da questi "signori" sempre pronti a salvarsi a vicenda pur di non far crollare il castello di sabbia sul quale hanno costruito il loro potere.

Mi trovate qui

politica interna
24 agosto 2008
Alemanno, un fascista è per sempre
Ecco le parole dell'illuminato camerata Alemanno riguardo lo stupro e l'aggressione di due turisti olandesi "Quello che è accaduto, ripeto, è un caso limite: due turisti che arrivano in bici e poi decidono di accamparsi con la tenda ai margini della città, tra l’altro con un comportamento illegale nel senso che non è consentito il campeggio libero. Voglio dire che non sarebbe successo nulla se avessero pernottato in un camping autorizzato e protetto. Ogni persona dovrebbe essere prudente, non esponendosi a rischi evidenti".
In poche parole la colpa è della donna e dell'uomo aggrediti. Questo ometto che grazie al Cicoria (Rutelli) e all'americano patacca (Veltroni) si trova a essere il Sindaco della nostra capitale, dimostra per l'ennesima volta quanto sia meschina la sua piccola mente fascista: quando è stata aggredita la povera Giovanna Reggiani la colpa era del lassismo di Prodi e Veltroni, ora che il duo Prodi Veltroni è stato sostituito dal duo oscuro Berlusconi Alemanno la colpa è dei due turisti.
Cari Romani ve la siete cercata, voi avete eletto questo mediocre fascista.

politica interna
31 maggio 2008
Mandano l'esercito a Chiaiano invece che in Parlamento

 Il "geniale" Prodi e Veltrusconi hanno deciso di utilizzare l'esercito per imporre ai cittadini, loro datori di lavoro, delle scelte assurde, come realizzare una discarica a Chiaiano. Di più, Veltrusconi ha deciso che la magistratura non deve più indagare su tutto quello che orbita intorno al business dei rifiuti perché le indagini fanno perdere tempo e denaro ai soliti noti e perché spesso i magistrati antepongono agli interessi finanziari di pochi, la salute di tutti.
L'Italia è un paese al contrario: si manda l'esercito contro i cittadini invece di mandarlo a liberare il Parlamento occupato, grazie ad un colpo di stato "gentile" (la vergognosa legge elettorale). Un colpo di stato che ha portato a sedere in Parlamento tanti condannati in via definitiva, tanti delinquenti chiamati a decidere della vita degli onesti cittadini italiani.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Prodi Veltroni Belusconi Chiaiano Veltrusconi

permalink | inviato da chemako il 31/5/2008 alle 17:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
politica interna
24 maggio 2008
Mi "distraggo" un po'...e loro si superano
In questi giorni sono impegnato in casa perché abbiamo cambiato la cucina e comprato la cameretta per Luna e il prossimo abitante della nostra tribù.
Molte notizie meritavano commenti: dal segreto militare sulle discariche del duo Prodi-Berlusconi, al ponte sullo stretto (spero che Scilla e Cariddi divorino Matteoli), dall'indecente Facci che trova sempre più lavoro dal suo nuovo padrone di Arcore (Facci mi fa schifo, il solo modo che conosce per lavorare è il giornalismo servile, prima per Craxi ora per Berlusconi) alle stronzate che dice la Carfagna, da Veltroni che continua a giocare alle ombre cinesi a Giovanardi che prepara una delle sue proposte idiote su famiglia e tossicodipendenza, dalla porcata elettorale che preparano per le europee a i giornalai che fanno decine di trasmissioni sulla pelle del piccolo Lorenzo massacrato a Cogne, dalla polizia che picchia i manifestanti a Chiaiano a Scajola che straparla di nucleare, dagli "scalatori" che forse pagheranno a De Gennaro che dopo aver gestito il massacro del G8 a Genova viene promosso da ogni governo, da Berlusconi che si fa una legge per salvare nuovamente Rete 4 a Berlusconi che prova a fare un emendamento al pacchetto sicurezza per tentare
di mandare in prescrizione con un emendamento al pacchetto sicurezza il processo Mills.
Cercherò di recuperare, ma sarà un 'impresa titanica perché questi assurdi politicanti e i loro servitori giornalisti sono sempre velocissimi nel dare spunti.
POLITICA
25 gennaio 2008
I VERI RESPONSABILI DELLA CADUTA DEL GOVERNO

La caduta del governo Prodi non è da attribuire al sindaco di Ceppaloni. Il meschino Mastella resta, come direbbe il grande Totò, uno quaquaraquà, un pessimo ministro che per paura di sparire politicamente (ogni proposta di legge porterà all’ovvia sparizione di un partito inutile e rappresentativo solo di Ceppaloni) e per paura delle inchieste (non parlo di quella ridicola di Santa Maria Capua Vetere, ma di quelle di pm come De Magistris) ha deciso di passare tra le fila di una coalizione che potrà condividere fortemente le sue stesse paure nei confronti della magistratura.

Le colpe di questa caduta partono da lontano.

La colpa è di Antonio Di Pietro che, se avesse continuato il lavoro iniziato con Mani Pulite, ci avrebbe fatt avere oggi un parlamento con meno Cirino Pomicino, De Michelis e compagnia di giro.

La colpa è di Antonio Di Pietro che non ha preteso il ministero della Giustizia.

La colpa è di D’Alema e Veltroni, che continuano a guerreggiare tra di loro infischiandosene degli interessi degli italiani.

La colpa è di Otello-Veltroni che, accecato dalla voglia di liberarsi di Desdemona-Prodi e mal consigliato dal suo Iago-Bettini, ha sacrificato l’Unione per correre da solo, una corsa che lo porterà per fortuna a sbattere contro un muro.

La colpa è di Rutelli (il mangiatore di cicoria) che ha deciso di nominare in parlamento (soprattutto al senato, mostrando per l’ennesima volta una incapacità politica assoluta) personaggi che non hanno portato nessun voto aggiuntivo al centro-sinistra come la Binetti, Carra, Bobba (che hanno minato il governo dall’interno, con il loro servilismo nei confronti di Ruini), Polito (inutile giornalista e inutile senatore, sempre pronto a sparare alzo zero verso gli alleati), Fisichella (monarchico, alleanzino, novello cavallo di Troia, pronto a tradire alla prima occasione buona), Dini e il suo scudiero (uomini di destra, una destra becera e spregiudicata sul piano economico, pronti a tradire per un pezzo di pane).

La colpa è di Bertinotti che per la comoda poltrona di presidente della camera ha rinunciato a diventare ministro del lavoro, tradendo il desiderio di milioni di lavoratori che speravano in un governo dalla loro parte.

La colpa è di Pecoraro Scanio che ha voluto fare il presidente di partito e il ministro, riuscendo a farsi attaccare su ambedue  i fronti.

La colpa è di Diliberto che ha mandato al governo il timido Bianchi invece che una persona capace di contrastare la deriva centrista.

La colpa è della sinistra che ha accettato di allearsi con chiunque pur di vincere le elezioni. Una sinistra che ancora non capisce che bisogna abbandonare la bizzarra idea della federazione ma fondare un moderno partito unitario di sinistra, un partito con le radici piantate nel glorioso passato comunista, socialista e ambientalista ma che guarda con occhio moderno alle sfide che ci aspettano.

La colpa è di Prodi che non ha insistito per fare una legge seria sul conflitto di interessi (non la barzelletta di Gentiloni) e una legge elettorale onesta subito.

La colpa è della Margherita e dei Ds che per timore hanno evitato il ministero della Giustizia offrendolo alla persona meno adatta.

Il risultato di questa somme di colpe ci porterà a nuove elezioni in un momento in cui il mondo teme una recessione. Siamo proprio un paese barzelletta.
Altro risultato importante è stata la distribuzione di fondi  a Confindustria e nulla ai lavoratori.

Ovviamente se si andasse ad elezione con una legge elettorale che non permetta ai cittadini di scegliere il candidato, personalmente non andrò a votare e mi adopererò per il non voto…cosa da poco, ma visti i risultati delle ultime elezioni anche pochi voti possono essere determinanti.

POLITICA
24 gennaio 2008
I SENATORI A VITA E I VOLTAGABBANA HANNO SALVATO IL GOVERNO
Appunti di storia. Anno 1994.
Senatori eletti dal centrodestra 156, opposizione di centro-sinistra (Progressisti) e patto Segni 159. Berlusconi non può varare il suo governo, gli italiani non gli hanno dato i voti necessari. Come per magia il governo Berlusconi vede la luce. Ora voglio ricordare agli smemorati come fu possibile questo "miracolo": i senatori a vita Gianni Agnelli, Giovanni Leone e Francesco Cossiga votano la fiducia a Berlusconi, i pattisti Cecchi Gori, Cusumano, Grillo e Zanoletti non si presentano in aula per abbassare il quorum a 158. Risultato della doppia azione senatori a vita e voltagabbana è fiducia al governo Berlusconi con 159 voti a favore e 153 contrari. Anche il deputato Tremonti eletto all'opposizione passò in maggioranza per la poltrona di ministro.

Nessuno ricorda queste cose, non le dicono i politicati di sinistra e non le dicono i giornalai servitori del potere. Purtroppo anche noi italiani troppo spesso dimentichiamo la realtà dei fatti.

N.B. ecco la fine dei 4 voltagabbana: Cecchi Gori è sparito, Cusumano è senatore dell'Udeur (nuovamente voltagabbana), Grillo è senatore di Forza Italia, Zanoletti è senatore dell'UDC

P.S. ma quando Rutelli ha deciso chi nominare in senato non sapeva di quanto inaffidabili fossero Dini e Fisichella? Ma forse ha ragione Prodi, Rutelli è solo "no beglio uaglione"
 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Senatori a vita voltagabbana Rutelli Prodi

permalink | inviato da chemako il 24/1/2008 alle 8:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
politica interna
31 ottobre 2007
PRODI DIMETTITI

Tra Italia dei non valori, partiti di "pugnette" e mastelliani, l'Unione riesce ogni giorno a dare il peggio di se stessa.
Ieri l'Italia dei Valori (Di Pietro dovrebbe sapere che gli impegni presi con gli elettori sono un valore) e l'Udeur di Mastella (non c'è nulla da aggiungere, ormai "mastella" dovrebbe diventare un aggettivo per descrivere il peggio in ogni settore) hanno contribuito a non far passare la proposta di istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta votando insieme al centrodestra. Tre parlamentari della Rosa del pugno (famosissimo partito di "pugnette") utilizzando gli insegnamenti di Ponzio Pilato non si sono presentati. Risultato di questa serie di posizioni assurde è stato consentire al centrodestra di arrivare alla votazione con 22 voti a favore e 22 contrari con il risultato di far morire prima di nascere la commissione d'inchiesta.
Personalmente ritengo le commissioni parlamentari d'inchiesta di questo parlamento di nominati un qualcosa di inutile, ma non posso non ricordare che a pagine 77 del programma elettorale dell'Unione c'era scritto "
l’utilizzo delle forze di polizia per operazioni repressive del tutto ingiustificate; basti pensare ai fatti di Genova, per i quali ancora oggi non sono state chiarite le responsabilità politica e istituzionale (al di là degli aspetti giudiziari) e sui quali l’Unione propone, per la prossima legislatura, l’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta."
Il programma deve essere rispettato, è un impegno preso con noi elettori e non possono i politicanti per calcoli opportunistici continuare a fare quello che vogliono. Questa è vera antipolitica, non quella di noi elettori stanchi di assistere alla pantomima di tutta la politica parlamentare.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Prodi IDV Mastella Antipolitica Unione Programma

permalink | inviato da chemako il 31/10/2007 alle 8:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
politica interna
12 ottobre 2006
PRODI SPARECCHIA IL TAVOLO DEI "VOLENTEROSI"

Prodi ha fatto sparecchiare il tavolo dei volenterosi. Con una lettera di Dario Franceschini, capogruppo dell’Ulivo alla Camera, sono stati “invitati” i parlamentari dell’Ulivo a non presentare emendamenti al di fuori della maggioranza. In poche parole è stato detto ai parlamentari ulivisti di non sedersi più a quel tavolo.
Credo sia utile elencare gli autodefiniti volenterosi: Daniele Capezzone (Rosa nel pugno), Nicola Rossi (Ds), Renzo Lusetti (Margherita), Antonio Polito (Margherita), Pino Pisicchio (Italia dei Valori), Egidio Pedrini (Italia dei Valori), Aldo Scarabosio (Forza Italia), Mauro del Bue (Nuovo PSI), Adolfo Urso (AN), Francesco Nucara (PRI), Sandro Bondi (Forza Italia), Maurizio Sacconi (Forza Italia), Carlo Vizzini (Forza Italia), Bruno Tabacci (UDC?), Marco Follini (UDC?), Michele Vietti (UDC), Paolo Messa (UDC), Gianni Alemanno (AN).
È del tutto evidente che questo tavolo ha visto una così massiccia e potente (ministri, sottosegretari e importanti parlamentari del precedente governo) partecipazione della casa circondariale delle pseudolibertà con il solo scopo di creare una breccia all’interno dell’Unione.
Non sono certo un difensore d’ufficio della Finanziaria, ma sono convinto che questi volenterosi avrebbero fatto ancora di peggio.
Subito ho cercato di leggere le dichiarazioni dei parlamentari dell’Unione e mi hanno colpito le parole di Nicola Rossi (Ds) che ha detto che in ogni caso presenterà al proprio capogruppo gli emendamenti concordati al tavolo (pensate se a dire una cosa del genere fosse stato un parlamentare della sinistra dell’Unione, tutti pronti ad attaccarlo ed ad accusarlo di ricattare il governo) e quelle di Polito che, devo confessarlo, sta diventando una fonte inesauribile per me.
Polito in una lettera aperta pubblicata sul Corriere della Sera di oggi, per rispondere alle critiche del senatore Bordon ha dichiarato che lui nel tempo libero parla con chi gli pare e che i parlamentari dell’Ulivo, al contrario dei parlamentari di Di Pietro e della sinistra radicale, non creano “problemi” al Governo e ha poi rivendicato per se stesso e per gli altri parlamentari dell’Unione il merito di aver dato a Prodi, nella due giorni di Orvieto, un partito che non aveva.
P
iù leggo le dichiarazioni di Polito e più mi chiedo come sia possibile farsi rappresentare in Parlamento da simili personaggi. In poche righe ha dato fiato a tutto il campionario berlusconiano: sinistra inaffidabile che ricatta costantemente Prodi e Prodi leader di un partito che non c’è.
Visto il grado di cultura mostrato dalla Gardini, suggerisco a Berlusconi di assumere Polito come portavoce di partito, forza italia ci guadagnerebbe…e l’Unione ancora di più.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Prodi tavolo dei volenterosi

permalink | inviato da il 12/10/2006 alle 15:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre


Attratti dalla calamita
L'ANTIPOLITICANTE
ERMES
ALICE (lo splendido LunaParkMentale)
OCCHI COME IL MARE
LA SCRITTURA CREATIVA
ROSSO ANTICO
MEDITERRANEO BLU (blog in letargo)
terzostato
COMPAGNO FRANCESCO
misswelby
Mr.Tambourine
gizm0
Maria Rubini
LA BATTITURA (blog in letargo)
L'ARCHEOLOGA VERDE (blog in letargo)
UN COMPAGNO A PRAGA
GALATEA
PENNAROSSA
COMPAGNO FABIO
RINASCITA NAZIONALE
SCACCHI E JAZZ
GIACOMO
FIOREDICAMPO
UN PRETE NO GLOBAL
CRISTINA
BEPPONE
UN GRAN TALENTO
SERAFICO
ELIOLIBRE
ARADIA - IL PANE E LE ROSE
QUALCOSADIRIFORMISTA
DRACULIA
TIZIANA ED EMANUELE
ALSOM (blog in semiletargo)
ATTIMO FUGGENTE (blog in letargo)
ANTIGUA (blog in letargo)
CAOSEKOSMOS
LOU MOGGHE (blog in letargo)
TRITON (blog in letargo)
IL CAVALIERE ERRANTE (blog in letargo)
IL POSTO DELLE FRAGOLE (blog in letargo)
FULMINI
RIGITANS
IRENE
CLAUDIA, BELLA E INTELLIGENTE
COMPAGNA LIA (blog in letargo)
ADELE PARRILLO
PIERO RICCA
SA ESSERE UN PREZIOSO SUGGERITORE
ZIAGRARIAAMA
LADYTUX
KORVO ROSSO
CONTROBAVAGLIO (blog in letargo)
COMPAGNO NICOLA
ZADIG
ROSASPINA
semplicemente VULCANOCHIMICO
ALZATACONPUGNO (blog in letargo)
LAURA
MESLIER (blog in letargo)
YCHE
KIA
LA PROFESSORESSA
SHAMAL
LUNA (blog in letargo)
ANTONIO MASOTTI (blog in letargo)
NONSIAMOPERFETTI
COMPAGNO IRLANDA
LA PETIZIONE (blog in semiletargo)
IGUANA BLU (blog in letargo)
IOESISTO (Barbara)
FRANCESCA (blog in letargo)
NOMEFALTANADA (blog in letargo)
ULTIMO DEI RIBELLI (blog in letargo)
SCIURET (blog in letargo)
ESTHER (blog in letargo)
GARBO
MIKYROSS (blog in letargo)
GIUSEPPE (blog in letargo)
ALESSIA
GABRI/BABELLE
BEPPE CAVALLO
MICHELA (blog in letargo)
MARIA (blog in letargo)
CUORE DI VETRO (blog in letargo)

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Luigi Rossi | Crea il tuo badge
Luigi Rossi Adotta un bambino a distanza – SOS Villaggi dei Bambini Greenpeace Italia

SANT'ANDREA DEL GARIGLIANO


                         




 

Berluscounter!

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

blog italia, directory blog italiani

lettera aperta
al compagno Luigi

9 dicembre 2005

Compagno Luigi,
ti chiamo compagno, in quanto mangiamo alla stessa tavola della lotta e condividiamo il pane della rabbia e della voglia di cambiare.
Diversi impegni tengono noi entrambi su una corda, come dei funammboli con la benda sugli occhi e senza alcuna protezione sotto di noi.
A volte accadono delle cose e si perde l'equilibrio, col rischio di cadere per terra, col rischio di morire dentro. Ma spesso, quando un funambolo perde l'equilibrio, c'è sempre uno che, tenendosi stretto a una corda d'emergenza, gli va incontro e gli tende una mano.
Così vorrei fare io con questo post. E non preoccuparti di prendere, oltre alla mano, anche il braccio; sei un compagno, è il minimo che possa darti.

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti,
venite portaborse, ruffiani e mezze calze,
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatto del qualunquismo un arte,
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto, assurdo bel paese.
Non me ne frega niente se anch' io sono sbagliato,
spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;
coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco,
io non perdono, non perdono e tocco!

[
c'è bisogno di dire il titolo e l'autore di questa canzone?]

un abbraccio,
Nicola

  
Che Guevara
assassinato il 9 ottobre 1967


Ingrid Betancourt
rapita il 23 febbraio 2002


Peppino Impastato
assassinato il 9 maggio 1978


Rosario Livatino
assassinato il 21 settembre 1990





post<li> 

Performancing Metrics